PopupJammer

Probabilmente hai adottato un gatto; Un gatto ti ha mai adottato?

Probabilmente hai adottato un gatto; Un gatto ti ha mai adottato? (Stile di vita)

Una giornata di sole metà settembre, sono andato in un negozio di copie e la mia vita è cambiata. No, non è davvero melodramma o iperbole: è la pura verità onesta. Lasciami iniziare all'inizio e forse vedrai cosa intendo.

Nell'agosto del 2006, la mia bella Sin├®ad, che era stata la mia anima gemella per molti anni, uscì e non tornò più. Ho chiamato tutti i ricoveri e le cliniche veterinarie. Ho messo dei poster. Ho cercato i fossati ai lati della strada per almeno mezzo miglio in ogni direzione. Ho persino vagato per le pianure della fattoria di famiglia, chiedendomi se fosse stata uccisa dai coyote che urlavano nelle vicinanze la notte in cui era scomparsa.

Non ho mai trovato Sin├®ad o i suoi resti.

Insieme ai miei due gatti rimasti, Thomas e Siouxsie, ho preso gradualmente i pezzi. Ci siamo abituati al buco Sin├®ad nei nostri cuori. Non avevo intenzione di adottare altri gatti. E se mai l'avessi fatto, avrei adottato un gatto adulto o un gatto con bisogni speciali.

Questo è quello che diciamo sempre, non è vero? Ma lo intendevo. Veramente!

Il 18 settembre 2006 era un lunedì normale. Stavo preparando delle dispense per un seminario prodotto dalla non-profit in cui lavoravo e, come al solito, sono andato al negozio di stampa dietro l'angolo per fare delle copie.

Non appena ho camminato nella porta, li ho visti.

Mentre compilavo il mio ordine e parlavo con il proprietario del negozio di copie, non riuscivo a distogliere lo sguardo da loro.

Alla fine, mentre consegnavo il modulo d'ordine, fissavo apertamente la gabbia con dentro tre minuscoli gattini neri e dovevo chiedere: "Qual è la storia con quei gattini?"

Il proprietario ha spiegato che il negozio era un luogo di adozione satellitare per una delle società umane locali, e questi gattini erano alla ricerca di nuove case.

Mi piace pensare di essere una persona gentile e compassionevole, e quando ho visto quei poveri gattini in una gabbia, in attesa che qualcuno li portasse a casa, ho pensato che almeno meritassero un po 'di amore e gentilezza fino all'arrivo dei loro adottanti.

"Posso venire dietro il bancone e giocare con loro?" Ho chiesto.

"Certo," disse il proprietario, e prima che io sapessi perfettamente cosa stava succedendo stavo aprendo una delle piccole porte e sollevando un gattino. L'ho tenuto vicino a me e gli ho dato alcuni colpi delicati, ma non sembrava essere tutto ciò che mi interessava delle mie cure.

Rimisi quello e ne presi un altro. Questo ha fatto le fusa quando l'ho accarezzato, ma si è stancato anche della mia attenzione.

Grazie Dio, Ho pensato. Sono forte.

Alla fine ho preso il terzo gattino. La fascia rossa intorno al collo diceva che il gattino era un ragazzo di nome Blackie, e aveva 12 settimane.

Non appena mi sono stretto tra le braccia Blackie, mi ha fatto scivolare la giacca, mi ha gettato le gambe davanti al collo e ha iniziato a fare le fusa per tutto quello che valeva.

La mia forza di volontà si stava indebolendo.

Quando Blackie è salito abbastanza in alto da iniziare a strofinarsi furiosamente la testa contro il mio mento, tutto è finito.

"Sono un succhiatore," mi lamentai.

Quella sera sono tornato a casa e ho chiesto a Siouxsie e Thomas come si sentivano a dare il benvenuto a un nuovo amico di gattini.

La mattina dopo ho compilato una domanda di adozione.

Qualche ora dopo, sono stato approvato. Ho preso in prestito uno dei porta-gatti della società umana per portare a casa Blackie. Thomas si innamorò immediatamente. Siouxsie borbottò.

Quel weekend stavo scrivendo la colonna settimanale di Paws ed Effect quando Blackie mi ha messo il sedere in faccia. "Ehi," ho detto. "Questo è un innato, non un outie!" (Dopo tutto, Blackie non era un ragazzo.) E ho cambiato il nome completo di Blackie da Black Jack Davy a Dahlia P. Kittenface.

Era una star, una regina del dramma, fin dall'inizio. In effetti, l'ho persino aiutata a scrivere il suo libro di memorie.

Dahlia ha condiviso quasi sei meravigliosi anni con Thomas, Siouxsie e me. Ma poco dopo essermi trasferito nella mia nuova casa l'anno scorso, Dahlia si ammalò gravemente. La diagnosi era un linfoma a cellule larghe - atipico - e la prognosi era molto scarsa. Il 12 aprile 2012, un veterinario gentile ha rilasciato Dahlia dalla sua sofferenza.

Non dimenticherò mai Dahlia, il gatto che mi ha insegnato la verità sull'adozione dei gatti: è il gatto che fa l'adozione, non la persona!

E tu? Un gatto ti ha adottato? Per favore condividi la tua storia nei commenti!

Informazioni su JaneA Kelley: Mamma del gatto punk-rock, nerd della scienza, volontario per rifugi per animali e geek a tutto tondo con la passione per i giochi di parole, conversazione intelligente e giochi di ruolo. Lei accetta con gratitudine e con grazia il suo status di schiava del gatto principale per la sua famiglia di blogger felini, che ha scritto la loro rubrica di consigli per gatti, Paws ed Effetto, dal 2003. JaneA sogna di vivere bene il suo amore per i gatti.

Maggiori informazioni sull'adozione dei gatti:

  • No Cat Left Behind: Adotta una settimana Pet meno adattabile
  • 7 suggerimenti sull'adozione dei gatti
  • Gatti per l'adozione
  • Quando adotti un gattino, fai una promessa - mantienilo